UTENTI COLLEGATI

Contatore siti

giovedì 25 settembre 2014

La nuova Imposta Unica Comunale (IUC): dettagli e scadenze

La nuova Imposta Unica Comunale (IUC): dettagli e scadenze

IUC
Roma, 25 settembre – Con la Deliberazione n. 47 del 29 luglio 2014 l’Assemblea Capitolina ha approvato il Regolamento dell’Imposta Unica Comunale (IUC). La nuova imposta, introdotta nella Legge di Stabilità 2014, ingloba tasse e tributi dovuti in relazione alla casa (IMU), alla produzione di rifiuti (TARI) e ai servizi comunali indivisibili come l'illuminazione (TASI): nel maxi emendamento del Governo, approvato dal Senato, l’imposta ha assunto la denominazione di IUC, Imposta Unica Comunale. Prossima scadenza il pagamento dell'acconto Tasi, che è stato prorogato al 16 ottobre dal D.L. n. 88/2014, pubblicato in G.U. 132 il 10 giugno 2014.

Per approfondire la conoscenza delle modalità necessarie per il corretto pagamento della IUC e per prendere atto delle aliquote IMU e TASI per il 2014, recentemente approvate con le Delibere n. 35 e 38, si rimanda alle pagine del Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale dove, a breve, sarà anche disponibile il programma di calcolo per IMU e TASI.

Per quanto riguarda la TARI si rammenta inoltre che la tariffa rifiuti è disciplinata dall’appositoRegolamento e che il servizio è gestito dall’AMA spa.

lunedì 22 settembre 2014

TASI: elenco delibere 2014 e Comuni mancanti

Il 18 settembre è l’ultimo giorno utile per inviare le delibere comunali sullaTASI (approvate entro il 10 settembre) al Dipartimento delle Finanze, così da far pagare l’acconto entro il 16 ottobre: nei Comuni in cui i contribuenti non sono già passati alla cassa in giugno e che non troveranno la delibera entro il 19 settembre sul sito del Ministero verseranno, la TASI dovrà essere versata in un’unica soluzione con il saldo di dicembre. In base ai dati aggiornati al 15 settembre, sono 5.356 i Comuni che prevedono l’acconto TASI in ottobre, mentre erano stati 2.187 quelli che avevano già deliberato in tempo per giugno. All’appello, dunque, negli ultimissimi giorni mancavano 551 delibere, numero destinato a scendere entro la mezzanotte.

Deliere TASI

L’elenco predisposto dal ministero delle Finanze contiene tutte le delibere pervenuteevidenziando sia la data di approvazione sia di pubblicazione. Per capire se pagare l’acconto in ottobre,il contribuente deve controllare che la prima sia antecedente al 10 settembre e la seconda al 18 settembre. 

Scadenze
La seconda avvertenza: nelle delibere è riportata anche la scadenze delle rate. E’ infatti possibile che il Comune abbia deciso di rimandare il versamento per alcune tipologie
di immobili. E’ il caso, ad esempio, di 
Verona, dove per la prima casa si pagherà la TASI in
un’unica 
soluzione a dicembre, mentre per gli altri immobili in ottobre. 
Per quanto riguarda le modalità di versamento, ricordiamo che si paga con il modello F24 o con apposito bollettino postale.

Aliquote e detrazioni

Verificate tutte le informazioni sul quando, si passa al quanto. L’aliquota applicata da ciascun Comune per ogni tipologia di immobile è riportata nelle diverse delibere, con molte variazioni che devono tenere conto di alcune regole generali: aliquota massima prima casa 0,25% e su altri immobili 1,06% sommando TASI + IMU, ma entrambe suscettibili di una maggiorazione (complessiva dello 0,08% totale applicabile su una di esse o spalmabile su entrambe); detrazioni libere.

Locazioni

Un’altra novità da sottolineare, rispetto all’IMU è che la TASI è dovuta anche dagliinquilini: a discrezione del Comune, si paga dal 10 al 30% dell’imposta dovuta sull’immobile, calcolata secondo l’imponibile del proprietario.

TASI e IMU errate: come si applica la maggiorazione 0,08%

In vista della prossima scadenza TASI e IMU di settembre-ottobre nei Comuni che non hanno deliberato in tempo per l’acconto di giugno, arriva un’importante precisazione del ministero: lo 0,08% aggiuntivo sulle aliquote massime di IMU e TASI va tassativamente applicato o alle prime case o agli altri immobili, oppure spalmato fra le due categorie. Ma non si può aggiungere interamente a ciascuna di esse.
Si potrebbe dire un chiarimento superfluo, visto che era chiaramente spiegato nel Dl 16/2014 convertito dalla legge 68/2014, che è andato a modificare l’articolo 1, comma 677, della legge 147/2013 (legge di stabilità). Eppure diverse delibere comunali(esempi: Venezia e Biella) non sono coerenti con tale meccanismo applicando due volte la maggiorazione, superando quindi lo 0,08% complessivamente applicabile.
Il ministero, quindi, ha fornito ulteriorichiarimenti, con la circolare 2/DF del 29 luglio 2014. Anche in vista del prossimo 10 settembre, nuova scadenza per emettere delibere che consentano il pagamento dell’acconto entro il 16 ottobre (nei Comuni che non emetteranno delibera nemmeno entro questo termine, si pagherà tutto a dicembre in un’unica soluzione). Il Dipartimento delle Finanze spiega con dovizia di particolaricome si applica la maggiorazione dello 0,08% e fornisce anche esempi di calcolo, partendo dalla regola che, per immobili non prima casa, la somma IMU + TASI non può superare l’1,06% – così come per per le prime case di lusso (categorie catastali A1, A8 e A9) – mentre per le prime case si paga solo la TASI con aliquota massima0,25%.

Maggiorazione: esempi di calcolo

La maggiorazione dello 0,08% deve essere applicata o agli immobili diversi dalla prima casa (e alle prime case di lusso, assimilate a questa tipologia) oppure alle abitazioni principali.
  • Quindi, ad esempio, si può portare all’1,14% la maggiorazione sulle abitazioni diverse dalla prima casa e contemporaneamente anche allo 0,68% quella sulle case di lusso, ma in questo caso bisogna lasciare a un massimo dello 0,25% la TASI sulla prima casa. Se invece si porta allo 0,33% l’aliquota sull’abitazione principale, non si possono applicare maggiorazioni alle altre aliquote.
  • Si può anche distribuire lo 0,08% fra le varie tipologie di immobili : ad esempio applicando lo 0,04% di aumento sulle prima case e un’analoga percentuale agli altri immobili. Unica eccezione, i fabbricati rurali ad uso strumentale, che pagano una TASI dello 0,1% e ai quali non si possono applicare maggiorazioni.
Fonte: circolare 2/DF del 29 luglio 2014 del Dipartimento delle Finanze

SCUOLA: COMUNE ANGUILLARA - ESONERO SERVIZIO MENSA & TRASPORTO SCOLASTICO

AVVISO ESONERO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA E 
TRASPORTO ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

 Scarica allegato


SCUOLA: COMUNE ANGUILLARA TRASPORTO SCOLASTICO

Servizio Trasporto Scolastico - Planimetrie punti di raccolta A.S. 2014/2015 - Aggiornamento

Si rende noto che il giorno 11 settembre 2014, nel pieno rispetto della tempistica in materia di appalti pubblici dettata dalla vigente normativa,  è stato firmato il nuovo contratto per l'affidamento del servizio di trasporto scolastico con la ditta  Consorzio Valcomino soc. coop. sociale arl di Roma.
Si conferma pertanto che il servizio sarà attivo fin dal primo giorno di scuola (lunedì 15 settembre 2014) e verrà effettuato con i mezzi utilizzati nell'anno scolastico precedente: i mezzi nuovi previsti entreranno in servizio nei giorni successivi ad ultimazione delle procedure per l'immatricolazione.









lunedì 15 settembre 2014

SCUOLA: APERTURA NUOVA SEDE ASILO NIDO OSTERIA NUOVA

Apertura nuova sede Asilo Nido "La Filastrocca Allegra"

Asilo Nido

Roma, 12 settembre - Si comunica che da mercoledì 17 settembre 2014 l’Asilo Nido “La Filastrocca Allegra” riprenderà l’erogazione del servizio presso la nuova sede, in Via Anguillarese 171.
Nei giorni 17, 18 e 19 settembre l’orario delle attività sarà dalle 8,00 alle 13,00; a partire dal 22 settembre p.v. inizierà il servizio di refezione scolastica e l’orario sarà dalle 8,00 alle 16,30.
 

SCUOLA: BUONI LIBRO - DOMANDE ONLINE

Diritto allo studio: 5 milioni di euro per i buoni libro. Da oggi domande online

Buoni libri 2014
Roma, 15 settembre – L’assessora alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità di Roma Capitale, Alessandra Cattoi, ha reso noto che, alla vigilia dell’inizio del nuovo anno scolastico, l’Amministrazione capitolina ha confermato il sostegno alle famiglie per il diritto allo studio, stanziando 5.084.617,38 euro per i buoni libro.

Il contributo, che è stato assicurato grazie al sostegno della Regione Lazio, spetta alle studentesse e agli studenti appartenenti a nuclei familiari con reddito Isee fino a 10.632,94 euro. Tutti coloro che hanno diritto potranno presentare domanda online tramite il portale di Roma Capitale.

L’Assessora ha così precisato “Con questa modalità, che si sperimenta per la prima volta, vogliamo garantire ancora più trasparenza per i cittadini, uno snellimento delle pratiche burocratiche e una maggiore tutela della privacy, oltre a evitare un inutile spreco di carta. Gli utenti che non hanno familiarità con il mezzo informatico potranno comunque contare sul nostro supporto e rivolgersi agli uffici del Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici per richiedere assistenza».

Gli importi del buono libro sono rispettivamente di 119,41 euro per la scuola dell’obbligo (scuola secondaria di I grado e biennio della scuola secondaria di II grado) e di 93,71 euro per il triennio della scuola secondaria di II grado.

La domanda per i buoni libro dovrà essere presentata esclusivamente online, dal 15 settembre fino al 15 ottobre. Per poter presentare la domanda è necessario essere identificati al Portale di Roma Capitale.

Chi ancora non avesse provveduto a questa formalità, per avere l’autorizzazione a richiedere il buono libro, deve al più presto collegarsi a www.comune.roma.it e cliccare su “Identificazione al Portale” nella sezione “Servizi online”.

L’iter si conclude, di norma, entro 3 giorni lavorativi dall'invio della documentazione richiesta.

Roma Capitale rilascerà ai richiedenti un “buono libro digitale” che potrà essere utilizzato presso le librerie convenzionate entro il 20 dicembre 2014.

Tutte le informazioni per richiedere il buono libro sono disponibili sul sito del Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici, www.comune.roma.it/dipscuola o chiamando il numero 060606.

SCUOLA: TRASPORTO SCOLASTICO - AVVISO IMPORTANTE

Trasporto Scolastico 2014-2015 - AVVISO IMPORTANTE

Roma, 12 settembre - A rettifica di quanto comunicato in precedenza, si informano tutte le tipologie di utenze (normodotati e disabili) che, il servizio sarà attivato sin dal primo giorno di avvio dell'anno scolastico anche relativamente alla "ripresa", per la generalità degli utenti, fermo restando che, nei primi giorni di scuola , in conformità di quanto previsto nella domanda di iscrizione al servizio, non potranno essere assicurati servizi di trasporto al di fuori degli orari di entrata e di uscita così come defini nelle citate schede-trasporto.

martedì 2 settembre 2014

Disoccupazione CoCoPro: requisiti e domande INPS per il 2014

Disoccupazione CoCoPro: requisiti e domande INPS per il 2014

Online il Modello CoCoPro 2014 per richiedere all'INPS l'indennità di disoccupazione prevista dalla Riforma Fornero per i collaboratori a progetto che restano senza lavoro: rivalutazioni soglie di reddito, compilazione della domanda, requisiti generali, autocertificazione.

Se vuoi aggiornamenti su DISOCCUPAZIONE COCOPRO: REQUISITI E DOMANDE INPS PER IL 2014 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:limite di reddito dei Co.Co.Pro. (Collaboratori Coordinati e continuativi a Progetto) che chiedono nel 2014 accesso all’indennità di disoccupazione prevista dalla Riforma del Lavoro è pari a 20.220 euro: la rivalutazione reddituale è contestuale alla pubblicazione dei modelli di domanda all’INPS con attestazione dei requisiti richiesti. Le istruzioni sono contenute nel Messaggio n.2999, in esecuzione di quanto previsto dall’articolo 2, commi 51-56, legge 92/2012, che istituisce il sussidio per questi precari iscritti alla Gestione Separata.

Presentazione domande

  • tramite web con PIN dispositivo,
  • presso gli uffici INPS competenti,
  • per posta con raccomandata A/R,
  • tramite patronato che offra per legge assistenza gratuita.

Requisiti

In seguito l’aumento dell’1,1% dell’indice ISTAT nell’intero 2013, ai fini del riconoscimento dell’indennità, il limite di reddito dichiarato nel 2013 per poter fare domanda è 20.220 euro e si applica alle domande presentate quest’anno.
Gli altri requisiti generali per i co.co.pro. con diritto all’indennità sono: aver operato in regime di monocommittenza nel corso dell’anno precedente; aver accreditato almeno unamensilità presso la Gestione separata nell’anno di riferimento e almeno tre nell’anno precedente.

=>Indennità co.co.pro: assegno per chi perde il lavoro

Indennità

La presentazione della domanda, tramite Modello CoCoPro 2014 (COD. SR 140), consente l’accesso alla prestazione INPS di sostegno al reddito ai collaboratori coordinati e continuativi a progetto con determinati requisiti. L’indennità percepita è pari al 7% del minimale annuo di reddito rapportato alle mensilità di retribuzione del 2013. E’ liquidata in un’unica soluzione se pari o inferiore a 1.000 euro, in importi mensili se superiore. Viene versata attraverso accredito bancario o postale, libretto postale, INPS card o carte di pagamento dotate di IBAN. 
(Fonte: il messaggio INPS 2999/2014)

TRASPORTO SCOLASTICO E ASILO NIDO AVVISO - Anno Scolastico 2014/2015 Nuove tariffe per Servizi Nido e Trasporto Scolastico

Avviso all'utenza Servizi Scolastici - Anno Scolastico 2014/2015 Nuove tariffe per Servizi Nido e Trasporto Scolastico

nidiRoma, 1 settembre - Si avvisa la gentile utenza che, con decorrenza dal mese di settembre 2014, saranno in vigore le nuove tariffe per l'accesso ai servizi nido e trasporto scolastico, deliberate dall'Assemblea Capitolina (deliberazione n.45/2014).

===> SERVIZI NIDO (quote contributive servizi educativi 0-3 anni)

   
     Scontistica
a) per due figli frequentanti il nido, riduzione del 30% sul totale delle quote dovute;
b) a partire dal terzo figlio frequentante il nido, esenzione per i nuclei familiari con ISEE inferiore ad euro 10.000, e riduzione del 30% sul totale delle quote dovute per i nuclei familiari con ISEE superiore ad euro 10.000;
c) esenzione in favore degli utenti appartenenti a nuclei familiari soggetti ad assistenza da parte dei servizi sociali solo se in tal senso segnalati dai servizi sociali medesimi.

     Attenzione: coloro che in fase di riconferma e accettazione del posto nido anno educativo 2014/2015 abbiano beneficiato dell'esenzione terzo figlio, al fine di definire la posizione in base alle nuove tariffe, dovranno consegnare all'Ufficio Asili Nido del Municipio la  D.S.U. completa dei conteggi ISEE 2013 entro e non oltre:
 - il 12 settembre 2014 per gli utenti dei nidi privati convenzionati
 - il 22 settemre 2014 per gli utenti dei nidi comunali.
 Orario ricevimento: lunedì - mercoledì - venerdì 8.30//13.00  martedì - giovedì 8.30//13.00 - 14.00/17.00


===> SERVIZIO TRASPORTO RISERVATO SCOLASTICO (quote contributive)

Fascia ISEETariffa Mensile
da 0 a € 5.165,00esente
da € 5.165,01 a € 15.000,00€ 20
da € 15.000,01 a € 30.000,00       € 30
da € 30.000,01€ 50
   
  
     Scontistica
- Esonero dal pagamento della quota per gli alunni disabili e gli assistiti dall'Amministrazione Capitolina e dall'Amministrazione Provinciale;
- per le famiglie che corrispondono una quota intera per il primo figlio, ma che hanno almeno due figli fruitori del servizio di trasporto scolastico, è riconosciuta una riduzione del 30% sul totale delle quote dovute quantificate in rapporto alla fascia ISEE di appartenenza.

     Attenzione: coloro che intendano beneficiare del servizio trasporto scolastico pagando le quote inferiori a quella massima prevista, così come gli gli aventi diritto all'esenzione (fascia ISEE inferiore a 5.165 euro) dovranno consegnare la D.S.U. completa dei conteggi ISEE 2013all'Ufficio Trasporto Scolastico Municipale nei seguenti orari:
 - dal 2 settembre al 2 ottobre 2014 il martedì e il giovedì dalle ore 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.30;
- dal 6 al 17 ottobre 2014 tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e il martedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.30.

La D.S.U. completa dei conteggi ISEE 2013 non dovrà essere consegnata da parte di coloro che l'abbiano già consegnata all'Ufficio Refezione Scolastica.

Gli Uffici si trovano nella sede di Via Flaminia 872.
La D.S.U. dovrà essere consegnata personalmente o da delegato munito di delega e fotocopia di documento di identità in corso di validità del delegante.

ORARI

ORARI

Video Gallery

Loading...