UTENTI COLLEGATI

Contatore siti

mercoledì 14 ottobre 2015


martedì 13 ottobre 2015

BONUS ANGUILLARA SABAZIA - BANDO CONTRIBUTO AFFITTO 2015

CITTA’ DI ANGUILLARA SABAZIA (Provincia di ROMA) 
AVVISO PUBBLICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE
SCADENZA 30/10/2015 ORE 12.00

Vista la Legge 9 dicembre 1998 n. 431 e s.m.i. ed in particolare l’art. 11; Visto il Decreto del Ministero Infrastrutture 7 giugno 1999 e s.m.i.;
Vista la Legge Regionale 6 agosto 1999, n. 12 e s.m.i . ed in particolare l’art. 14;
Visto il Regolamento Regionale 19 novembre 2008 n. 22, che, tra l’altro, ha esteso la possibilità di accesso al fondo regionale per il sostegno alla locazione a tutti i Comuni del Lazio;
Vista la Deliberazione di Giunta Regionale n. 366 del 21 luglio 2015;

SI RENDE NOTO 
Che la Regione Lazio, con Deliberazione n. 366 del 21 luglio 2015, ha approvato i criteri e le modalità di ripartizione del fondo regionale per il sostegno ai canoni di locazione di cui all’art. 14 della legge regionale 6.8.1999 n. 12 - annualità 2015;

Soggetti beneficiari dei contributi:
Il Comune accoglie le domande dei richiedenti che, alla data di pubblicazione del presente bando, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • a) cittadinanza italiana o di uno Stato aderente all’Unione Europea; 
  • b) cittadinanza di uno Stato non aderente all’Unione Europea se munito di permesso di soggiorno o carta di soggiorno ai sensi della Legge 6 marzo 1998, n. 40 e del Decreto Legislativo 25 luglio 1998 n. 286 e successive modifiche ed integrazioni; 
  • c) residenza anagrafica nel comune e nell’immobile per il quale è richiesto il contributo per il sostegno alla locazione; 
  • d) titolarità del regolare contratto di locazione ad uso abitativo, debitamente registrato per l’anno o porzione di anno a cui si riferisce l’annualità del Fondo. Sono esclusi i conduttori di alloggi appartenenti alle categorie catastali A/1, A/7, A/8 , A/9 e A10 ; 
  • e) mancanza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso ed abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare (rif. Alloggio adeguato: art. 20 del regolamento regionale n. 2/2000) nell’ambito territoriale del comune di residenza; il presente requisito deve essere posseduto da tutti i componenti il nucleo familiare; 
  • f) non avere ottenuto, per l’annualità del Fondo indicata nel bando,l’attribuzione di altro contributo per il sostegno alla locazione da parte di Enti Locali, associazioni, fondazioni o altri organismi; 
  • g) non essere assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica destinati all’assistenza abitativa e di edilizia agevolata convenzionata; 
  • h) essere in regola con il pagamento del canone di locazione. 

Requisiti reddituali per l’accesso al contributo:
 Fermo restando i requisiti dei soggetti beneficiari dei contributi di cui al precedente punto, i requisiti minimi reddituali che i conduttori di alloggi in locazione devono possedere alla data di presentazione della domanda per l’accesso al contributo sono fissati, sulla base di quanto disposto con i D ecreti di ripartizione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e in deroga a quanto stabilito dal Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999, come di seguito riportato: ·


  • reddito del nucleo familiare, calcolato con il metodo ISEE (indicatore della situazione economica equivalente ), non superiore a € 10.000,00 (euro diecimila/00), rispetto al quale il canone dilocazione abbia un’incidenza superiore al 35%; · 
  • il canone di locazione è quello annuale risultante dal contratto di locazione regolarmente registrato, al netto degli oneri accessori e riscontrato dalle ricevute attestanti l’avvenuto pagamento, riferitoall’annualità anno 2014; · 
  • L’ISEE di riferimento è quello in corso di validità alla data di presentazione della domanda perl’accesso ai contributi · 
  • La percentuale di incidenza è determinata con la seguente formula:incidenza = (canone/ISEE) x 100. 
I richiedenti dovranno allegare alla domanda, pena l’esclusione:

  • 1. la dichiarazione ISEE ai fini della verifica della situazione economica e patrimoniale del nucleo familiare; 
  • 2. copia del contratto di locazione regolarmente registrato e modello F24; 
  • 3. copia delle ricevute attestanti l’avvenuto pagamento del canone di locazione per l’anno 2014; 
  • 4. copia del documento di identità, per i cittadini di Stati non aderenti alla Comunità Europea,copia della carta o del permesso di soggiorno, ovvero richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno; 

Il Comune procederà ad idonei controlli, anche a campione, circa la veridicità delle dichiarazioni rese.

La domanda di partecipazione al bando dovrà essere compilata unicamente su modelli messi a disposizione dal competente ufficio comunale reperibili presso l’ufficio U R P o sul sito internet www.comune.anguillara-sabazia.roma.it e

dovrà essere consegnata entro e non oltre le ore 12,00 del 3 0 / 1 0 / 2 0 1 5 a l l’ufficio protocollo di questo Comune nei giorni di apertura al pubblico. Le domande incomplete o prive della documentazione richiesta non saranno ritenute valide ai fini dellaformazione della graduatoria.

Dopo l’istruttoria delle domande pervenute verrà predisposta una graduatoria provvisoria, a seguitodella quale è possibile la presentazione di eventuali ricorsi, debitamente motivati. Il Comune al termine della presentazione dei ricorsi, provvede alla formazione della graduatoria definitiva. Qualora il contributo assegnato dalla Regione Lazio sia inferiore al totale del contributo spettante indicato nella graduatoria definitiva, il Comune si avvale della facoltà di erogare ai soggetti beneficiari percentuali inferiori al 100% del contributo spettante. Il contributo comunale non sarà comunque erogato ai beneficiari per un importo inferiore ad € 100,00.

BONUS ROMA - BANDO CONTRIBUTO AFFITTO 2015

Bando Contributo Affitto 2015






Si rende noto che con Determinazione Dirigenziale n° 841 del 01 10 2015 è stato approvato l'avviso pubblico concernente la pubblicazione delBando Contributo Affitto 2015 riferito all'annualità 2014 e del relativoModulo di Domanda che vengono qui di seguito riportati:




pubblicato il 01/10/2015aggiornato il 06/10/2015

 E' POSSIBILE RICHIEDERE
LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA
PRESSO I NOSTRI UFFICI,
SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO
AL NUMERO 063047133

Documentazione Richiesta per la presentazione:
  • ·        FOTOCOPIA DOCUMENTO IDENTITA’ DICHIARANTE 
  • (i cittadini extracomunitari dovranno allegare altresì copia del permesso o carta di soggiorno, ovvero richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno)
  • ·        FOTOCOPIA TESSERA SANITARIA DICHIARANTE
  • ·        FOTOCOPIA CONTRATTO AFFITTO
  • contratto di locazione regolarmente registrato, per il medesimo appartamento - sia stato rinnovato il contratto di locazione scaduto, al fine di ottenere il pagamento del contributo anche per il periodo antecedente alla decorrenza del nuovo contratto, è necessario allegare alla domanda anche copia del precedente contratto regolarmente registrato;
  • ·        FOTOCOPIA DI 3 RICEVUTE DI PAGAMENTO DEL CANONE DI LOCAZIONE (GENNAIO – GIUGNO-DICEMBRE ANNO 2014)
  • relative ai mesi di gennaio, giugno, e dicembre dell’anno 2014, ovvero, nel caso di contratto che non copra l’intero anno, copia delle ricevute relative alle ultime 3 mensilità. Le ricevute devono necessariamente contenere l’indicazione del periodo a cui il pagamento si riferisce, dell’importo pagato (al netto degli oneri accessori), degli elementi necessari all’individuazione dell’alloggio a cui si riferiscono, dei nominativi del locatore e del conduttore; le stesse ricevute, inoltre, devono essere sottoscritte dal locatore (solo nel caso in cui i pagamenti non siano stati effettuati tramite c/c postale, fattura, bonifico bancario o vaglia postale);
  • ·        AUTOCERTIFICAZIONE STATO DI FAMIGLIA
  • ·        MODELLO ISEE 2014 (Relativo all’anno 2014)
  • nel caso in cui nell’ambito dello stesso alloggio convivano più nuclei familiari, dovranno essere presentate più attestazioni ISEE (una per ogni nucleo familiare);
  • ·        CODICE IBAN INTESTATARIA
  • ·        CERTIFICAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI ATTESTANTE L’ASSISTENZA 
  • al soggetto richiedente da parte delle medesime strutture del Comune oppure autocertificazione circa la fonte di sostentamento (solo nei casi in cui il richiedente dichiari un reddito imponibile del proprio nucleo familiare pari a “zero” o comunque un reddito imponibile inferiore rispetto al canone di locazione per il quale si richiede il contributo);
  • ·        FOTOCOPIA DEI DOCUMENTI RICHIESTI nei casi di cui all’art. 4, comma 3 
  • (es. separazione, divorzio, abbandono del coniuge, etc.);




lunedì 5 ottobre 2015

MUNICIPIO XV - Buoni libro e cedole librarie - Anno Scolastico 2015-2016

Buoni libro e cedole librarie - Anno Scolastico 2015-2016

Buoni libro e cedole librarie - Anno Scolastico 2015-2016Roma, 21 settembre -  Anche per l'anno scolastico 2015-2016 gli alunni residenti a Roma possono richiedere la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo. Buoni libro e cedole potranno essere utilizzati entro e non oltre il prossimo 20 dicembre presso le librerie convenzionate con Roma Capitale.

Il contributo “buono libro” (scuole medie e superiori) spetta alle studentesse e agli studenti appartenenti a nuclei familiari con reddito Isee fino a 10.632,94 euro. Tutti coloro che hanno diritto potranno presentare domanda online tramite questo portale a partire dal 19 settembre e fino al 30 novembre.


Tornano buoni libro e cedole librarie. E la scuola costa un po’ meno

Buoni libro
Roma, 29 settembre – Si ripetono anche per l'anno scolastico 2015-2016 le iniziative del Campidoglio contro il caro scuola per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo agli alunni residenti a Roma. Buoni libro e cedole potranno essere utilizzati entro e non oltre il prossimo 20 dicembre presso le librerie convenzionate con Roma Capitale.

Il contributo “buono libro” (scuole medie e superiori) spetta alle studentesse e agli studenti appartenenti a nuclei familiari con reddito Isee fino a 10.632,94 euro. Tutti coloro che hanno diritto potranno presentare domanda online tramite questo portale a partire dal 19 settembre e fino al 30 novembre.

Roma Capitale rilascerà direttamente al richiedente - sempre mediante piattaforma informatica - specifici codici univoci (buoni libro digitali), di importo unitario differenziato in base al grado e all'ordine della classe frequentata.

Differentemente le cedole librarie digitali (scuole primarie, statali e private paritarie) – che sostituiscono a tutti gli effetti le cedole cartacee - verranno assegnate e distribuite alle famiglie attraverso gli Istituti scolastici presso i quali ciascun alunno è regolarmente iscritto. Vengono consegnate a ciascun avente diritto (genitore, tutore o esercente la potestà genitoriale) che avrà l'obbligo di utilizzarle personalmente, o mediante delegato, presso uno degli esercizi autorizzati.

Tutte le altre informazioni su buoni libro e cedole librarie, compreso l’elenco delle librerie convenzionate, sono pubblicate sulle pagine del Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici.

18 SET 2015 – LG

BONUS: BONUS GIOVANI GENITORI

Ancora disponibili quasi 9 milioni di Euro per il bonus Giovani Genitori: all’interno della sezione Comunicazioni Online del sito dell’Inps, infatti, l’Istituto informa che il credito a disposizione per l’incentivo, aggiornato al 29/09/2015, è pari a 8.775.000 Euro. Il bonus, pari a 5.000 Euro, è finalizzato all’assunzione di genitori precari o disoccupati che non abbiano ancora compiuto 36 anni: hanno diritto all’agevolazione le aziende che assumono a tempo indeterminato questi soggetti, o che trasformano un contratto a termine. Per godere dell’incentivo, però, devono essere rispettate determinate condizioni.

QUANDO UN LAVORATORE HA DIRITTO AL BONUS?
Per poter fruire del beneficio, il lavoratore non deve aver compiuto 36 anni, deve avere almeno un figlio che non abbia compiuto 18 anni, e deve iscriversi nella Banca Dati Giovani Genitori.
Per potersi iscrivere, il lavoratore deve essere titolare di uno dei seguenti rapporti:
  • contratto di lavoro subordinato a termine;
  • contratto di somministrazione (interinale);
  • contratto intermittente;
  • collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) o contratto a progetto (co.co.pro);
  • lavoro occasionale accessorio.
Se il contratto di lavoro è terminato, il lavoratore deve registrare lo stato di disoccupazione presso un Centro per l’impiego, un Centro Servizi per il lavoro o un’Agenzia per il lavoro.
Il beneficio si perde per:
  • compimento della maggiore età del figlio;
  • compimento del trentaseiesimo anno d’età;
COME ISCRIVERSI ALLA BANCA DATI GIOVANI GENITORI? assunzione a tempo indeterminato.
  • In caso di nuova assunzione a tempo indeterminato, e successivo licenziamento, se sussistono ancora le condizioni il lavoratore è libero d’iscriversi alla banca dati di nuovo.
Per iscriversi alla banca dati si deve accedere al sito dell’Inps col proprio PIN; l’iscrizione si effettua nella sezione dei servizi al cittadino, col seguente percorso: “Servizi al cittadino” – “Autenticazione con Pin” – “Fascicolo previdenziale del cittadino” – “Comunicazioni telematiche” – “Invio comunicazioni” – “Iscrizione banca dati giovani genitori”.
Ci si può anche iscrivere collegandosi al sito del Dipartimento della Gioventù, utilizzando sempre il Pin dell’Inps.
QUALI AZIENDE HANNO DIRITTO AL BONUS?Hanno diritto all’incentivo le aziende private (comprese le imprese sociali) e le società cooperative, e sono esclusi dall’incentivo gli enti pubblici (economici e non) , i gruppi parlamentari, le associazioni, e, in generale, i datori di lavoro non qualificabili come imprenditori.
Il contratto di lavoro deve essere a tempo indeterminato o di apprendistato, e l’assunzione non deve essere obbligatoria.
Inoltre, per ricevere il bonus, le imprese devono essere in possesso del Durc (ovvero essere in regola con gli adempimenti previdenziali), e non devono aver effettuato:
  •  licenziamenti per giustificato motivo oggettivo o per riduzione del personale, nei 6 mesi precedenti;
  • sospensioni dal lavoro o riduzioni dell’orario di lavoro per crisi aziendale, ristrutturazione, riorganizzazione o riconversione industriale;
  • precedenti assunzioni di almeno 5 dipendenti utilizzando la stessa agevolazione.
  • Il lavoratore per il quale si chiede l’incentivo non deve essere stato licenziato dalla stessa azienda, o da impresa controllata o collegata, nei 6 mesi precedenti all’assunzione.
COME SAPERE SE IL LAVORATORE HA DIRITTO AL BONUS?
Le aziende possono sapere se il dipendente ha diritto all’incentivo verificando l’iscrizione alla Banca dati: basta collegarsi alla banca dati sul portale dell’Inps o del Ministero della Gioventù, e digitare il codice fiscale del lavoratore interessato.

COME SI RICHIEDE L’INCENTIVO?
In primo luogo, l’azienda deve assumere il lavoratore con Comunicazione Obbligatoria (Co), utilizzando il modello Unilav, ed inserendo il codice agevolazione Giovani Genitori.
Poi dovrà collegarsi al sito dell’Inps, sezione “Servizi per le aziende ed i consulenti”, “Cassetto Previdenziale”, “Comunicazioni Online”, entrare nella comunicazione con codice “GIOV-GE” e compilare la domanda. L’Istituto comunicherà l’attribuzione dell’incentivo tramite Cassetto previdenziale.

QUANDO SI RICEVE IL BONUS?L’Inps non eroga materialmente i soldi, ma dà uno sgravio contributivo: questo significa che l’azienda può compensare i contributi dovuti mensilmente con l’incentivo spettante; indicherà poi il conguaglio effettuato nella dichiarazione UniEmens.
Il bonus non è riconosciuto tutto insieme, ma in quote mensili non superiori alla retribuzione del mese del dipendente.
L’agevolazione è comunque cumulabile con gli altri incentivi esistenti, come quello per l’assunzione disoccupati da oltre 6 mesi.

ORARI

ORARI

Video Gallery

Loading...